Bernie Stolar, 25 giugno 2022 è stato coinvolto nel lancio di PlayStation e Dreamcast, aveva 75 anni

Uno dei più importanti dirigenti di videogiochi degli anni '90, è morto all'età di 70 anni, informa GamesBeat.
Stolar ha iniziato la sua attività di videogiochi nel 1980, avviando prima una società di monete prima di trasferirsi ad Atrari;
Dove ha fatto di tutto, dal lavorare sui suoi giochi arcade alla sua console successiva videogiochi domestico to all things guida lo sviluppo di Lynx, il famigerato enorme dispositivo portatile di Atari.
L'uomo che ha contribuito a lanciare PlayStation e Dreamcast è morto
L'uomo che ha contribuito a lanciare PlayStation e Dreamcast è morto

Si è trasferito alla Sony, dove ha contribuito a fondare la divisione americana del marchio PlayStation dell'azienda, ricoprendo il ruolo di primo vicepresidente esecutivo dell'azienda.

Mentre era alla Sony, il suo più grande successo è stato l'allineamento di più studi e proprietà per la prima libreria di jogos di PlayStation – formando relazioni che in molti casi dureranno fino al 2022 – incluso Ridge Racer , Crash Bandicoot e Spyro.

Pubblicità

Dopo il lancio della PlayStation, Stolar è passato alla rivale di Sega, dove non ha giocato. Come GiochiBeat ricordare:

“Quando sono arrivato a Sega, ho subito detto: 'Dobbiamo uccidere Saturno. Dobbiamo fermare Saturno e iniziare a costruire la nuova tecnologia.' Questo è quello che ho fatto.

Ho portato una nuova squadra di persone e ho pulito la casa. C'erano circa 300 dipendenti e ho ridotto l'azienda a 90 dipendenti per iniziare la ricostruzione", ha detto Stolar.

Mentre con Sega Stolar ha firmato un altro acquisto visionario a lungo termine, l'acquisto di uno studio chiamato Visual Concepts che sarebbe diventato 2K Sports e continua a rilasciare la serie NBA 2K fino ad oggi.

La carriera di Stolar dopo gli anni '90 è stata segnata da periodi in Mattel (dove ha fatto pressioni sull'azienda per raddoppiare la produzione di videogiochi dell'azienda). Barbie) e Google, dove è stato il primo "game evangelist" dell'azienda;

Posizione utilizzata per difendere l'idea di un servizio di streaming di giochi, qualcosa che la società ha salutato in quel momento e in seguito... sarebbe rivisitato un decennio dopo, molto tempo dopo che Stolar se ne era andato, prima di rovinare completamente.